Il cattivo suono è irrispettoso verso la nostra natura.

Quello che udiamo è l’interpretazione umana di vibrazioni presenti in un solido, liquido, gas o plasma.

Queste vibrazioni sono onde di compressione e rarefazione che viaggiando attraverso un mezzo tipicamente l’aria anche se possono essere ascoltati e percepiti attraverso liquidi e solidi.
La nostra percezione di frequenza auditiva è normalmente compresa tra 20Hz e 20 kHz.
A frequenze vicine o inferiori a circa 100 Hz le orecchie sono meno coinvolte mentre la percezione dell’intero corpo prende il sopravvento.


Uno dei misteri del ‘big bang’ era come una singolarità che esplode potesse sviluppare gravità sufficiente a formare le galassie che popolano oggi il nostro universo.  E ‘stato recentemente compreso da cosmologi quale fosse il suono reale del big-bang che scorre attraverso la zuppa di quark dell’universo embrionale causando le increspature originali nella sua uniformità.
A questo punto le parole “In principio era” assumono un’altra dimensione o significato.


“Om” o “Aum” è il mantra primario nell’Induismo in quanto esso rappresenta il suono dell’universo. Nel buddismo, Om è anche visto come la primordiale vibrazione da cui tutto è venuto e nel quale tutto ritorna alla fine di un ciclo cosmico.


Il suono era presente fin dall’inizio dell’universo mentre la luce è apparsa solo dopo 350.000 anni quando la temperatura dell’universo diminuì in misura sufficiente da consentire ai quark di condensarsi in materia permettendo la trasmissione dei fotoni.


Quindi sembrerebbe che il suono sia di primaria importanza cosmica e il portatore del modulo dell’energia dell’universo, in un modo forse simile ad come una piastra metallica forma modelli in polvere quando vibra al suono dell’arco di un violino.

 

 

Watch this video on YouTube or on Easy Youtube.


Nel video un esecuzione di Nigel Stanford nel quale mette in pratica queste teorie e il risultato è qualcosa di davvero emozionante. Un susseguirsi di sinestesie. Prendono vita le “figure di Chladni“. Tutto sembra predeterminato. Matematica, musica e natura dimostrano di esser sempre stati la stessa cosa. Per cimatica si intende quella teoria, dovuta allo studioso svizzero Hans Jenny, che tenta di dimostrare un effetto morfogenetico delle onde sonore.

 

 

È interessante notare che la frequenza del suono e la scala diatonica siano suddivise in ottave. Le 8 note della scala diatonica sono a specifiche frequenze e colpiscono la nostra sensibilità con una piacevole e armoniosa maniera, forse perché la relazione tra le note e il resto rappresenta un modello universale con cui siamo naturalmente in sintonia. Questo modello universale sembra essere radicato nella struttura della materia. I vari elementi sono definiti dal numero di protoni ed elettroni presenti in un atomo. Gli elettroni sono disposti in orbitali discreti con 8 o multipli di 8.

Calcium

Calcium

Pottasium

Pottasium

 

Questi rapporti discreti danno luogo alla fisica quantistica. Aggiungiamo che, la tavola periodica degli elementi illustra la ripetizione delle proprietà fisiche di un ciclo di ottava.

e

Quindi, ovunque si guarda fondamentali è presente il ciclo di ottave e illustra l’importanza fondamentale della musica al nostro essere.

La risoluzione del nostro sistema uditivo è sorprendente ed è in grado di fornirci una vasta gamma di informazioni sul nostro ambiente e gli eventi al suo interno.

f

Ciò è dimostrato dal lavoro fatto negli studi per determinare il minimo angolo vettore per rilevare lo spostamento con l’udito. In altre parole quanto una sorgente sonora deve muoversi prima che l’udito umano riesca a rilevare un cambiamento di posizione, utilizzando la differenza di tempi di arrivo tra le due orecchie.

Questo risulta essere non più di 1 o 2 gradi sul piano orizzontale che rappresenta temporalmente una differenza d’arrivo alle orecchie tra 13 e 18 microsecondi ovvero tra 13 e 18 millesimi di un millesimo di secondo.

Per un film il frame rate è di 28 fotogrammi al secondo o 36 millisecondi è sufficiente dare l’apparenza di continuità.  Si tratta quindi comunque di una informazione di oltre duemila volte più lento del suono. Quindi, in termini di potere di risoluzione, il suono è diversi ordini di grandezza superiore a quella della luce e su di questo lo fa con una gamma di dieci ottave mentre la luce viene percepita attraverso una sola ottava, i sette colori dell’arcobaleno.

 

g


Da notare che, anche se comunemente si ritiene vista il nostro senso primario, essa percepisce solo informazioni da meno della metà di una finestra relativamente stretta finestra di lunghezze d’onda elettromagnetiche.
Suono, invece, viene rilevato piena sfera. La vista può anche essere “spenta” chiudendo gli occhi o con l’oscurità.
L’udito non si spegne mai.

Il suono da il più importante contributo al nostro sistema riguardo la nostra posizione nello spazio e la natura di tale spazio.


L’udito trasmette un flusso costante di informazioni sugli eventi si trovano ovunque nella nostra sfera audio. Il cervello dedica notevoli risorse a svelare e decifrare la posizione e la natura delle diverse sorgenti sonore, non userebbe tutta questa quantità di energia se il suono non fosse stato di grande importanza per la sopravvivenza dell’uomo. Si suppone che in una fase iniziale dell’evoluzione umana l’udito sia emerso come il senso di sopravvivenza primaria perché funziona sempre, di notte come durante il giorno e in un ambiente giungla non è bloccato come la vista da alberi e arbusti.
La rilevazione dello spostamento di eventi sonori è prioritario a causa dell’indicazione immediata, come la possibilità di essere mangiato, oppure la presenza di eventuale pranzo ed è quindi per questo più stimolante per le emozioni che il suono stazionario.

Considerando l’affinamento della percezione uditiva umana e la quantità di potenza del cervello necessaria per elaborare tutte queste informazioni è notevole quanta scarsa considerazione venga concessa all’ambiente audio del nostro presente.
Si può solo saltare d’orrore di fronte la qualità media dell’audio elettronico trasmesso alle persone di tutto il mondo. Le ragioni di questo sono molteplici e comprendono la mancanza d’istruzione, attrezzature scadenti, abuso di attrezzature, scarsa sensibilità uditiva, la musica vessatoria o semplicemente sorda. Il risultato di questo stato pietoso è che l’audio musicale comune, inteso come esperienza emotiva, raramente raggiunge il suo pieno potenziale e un cattivo suono è abbastanza normale.


Un sistema audio è una catena di hardware che dal microfono attraversa “hardware” per arrivare gli altoparlanti. Pertanto per ottenere buoni risultati audio ogni fase dei processi associati al sistema deve essere di qualità sufficientemente buona.


Troppi tecnici del suono sono focalizzati sui loro computer, la miscelazione fatta con gli occhi, piuttosto che l’arte di ascoltare, fallendo con i loro ascoltatori. La criticità di questa situazione è che una volta che il cervello si abitua al cattivo suono si adatta a esso. L’udito lavora con quello che il cervello si è abituato ad ascoltare. Nel primo periodo di tempo il nostro cervello applica l’EQ e gli adattamenti necessari per dare una approssimazione in risposta ad una percezione piatta che diventa abituale. A seguito di questo, perciò poi, quando un suono è qualitativamente superiore, sembrerà sbagliato perché è diverso.
Durante l’ascolto di un buon suono questa compensazione abituale richiede un po ‘di tempo per modificarsi, il cervello deve de-imparare o correggersi deve adattarsi.

Questa immagine mostra la configurazione tipica di un tecnico service abituato a driver di compressione tonalità .
Quasi tutta la metà dei bassi viene abbassata nel tentativo di rendere il suono di sistema simile a quello cui si è abituati.

 

h


Il suono di alta qualità è pulito e chiaro consentendo ai singoli suoni di avere una particolare e separazione, non di essere fusi assieme. Bassa qualità del suono spinge l’ascoltatore lontano da questa sensazione. Il suono di alta qualità attira l’ascoltatore in un’esperienza dove la precisione delle informazioni permette la piena fioritura del sentimento musicale.

Nemici del buon suono sono i vari formati di file compressi,circuiti audio sovraccarichi, volume troppo forte a scapito dell’acustica, hardware elettronico audio di bassa qualità, cattivi tecnici e gli altoparlanti scarsi in particolar modo la componente driver a compressione presente nella fascia dei medi di quasi tutti grandi sistemi audio.

Questa immagine di un equalizzatore grafico è un esempio di cattiva pratica ingegneristica. L’equalizzazione introduce uno sfasamento che in questa situazione di su e giù fader sarà un disastro. L’audio risultante sarebbe stato meglio se l’immagine fosse stata piatta.

 

i

Quando mi trovo a confrontare un file MP3 rispetto un file di qualità Wav /CD  sento che manca l’estensione a bassa frequenza e le code delle note sono mancanti, il tutto rende il suono debole e insipido. Più fastidiose sono le alte frequenze che sono il contrario di traslucido e cristallino, ovvero frizzanti e croccanti.

Con queste condizioni il compressore dei bassi, i crossover e i driver hanno grandi quantità di distorsione in ingresso per gran parte del tempo. Troppo spesso i  DJ hanno e le loro attrezzature con i VU-Meter del loro mixer in rosso causando ancora più distorsione agli amplificatori.
Tutto questo aggiunge una perdita di spazio e dimensione alla musica privando l’ascoltatore del coinvolgimento, sentimento e motivazione spirituale.
Pensate alla differenza tra l’acqua fangosa e limpida, oppure tra nebbia e una giornata di sole. Con l’acqua fangosa è visibile soltanto la superficie, bidimensionale mentre con l’acqua trasparente uno è in grado di vedere attraverso e apprezzare tre dimensioni. Quando si è profondamente coinvolti emotivamente con audio stereo di qualità del suono si è in grado di uno spazio di luce, colore ed energia.

Spero di essere riuscito a trasmettere non solo l’ampiezza e la portata della nostra percezione del suono, ma anche la sua bella profondità di risoluzione e il suo collegamento con musica per i fondamenti della creazione.

ndt: ( traduzione e adattamento di un articolo di Tony Andrews di Funktion.one )

Author: DJ Massimo

DJ resident de La Veriega, la milonga all'aperto di Buenos Aires. Usa esclusivamente il disco in vinile per passare musica nelle serate con PURA MILONGA. Mentre con BIEN PULENTA sono i file audio Hi-Res a garantire al pubblico la massima fedeltà audio e una proposta musicale "Ossigenata" che garantisce il massimo della ballabilità.

Share This Post On