Documentario: Julio De Caro racconta

de carorid

Julio De Caro

Nome: De Caro , Julio
Soprannome: Jose Julian
Violinista, direttore e compositore.
(11 dicembre 1899-11 marzo 1980)
Luogo di nascita :Bartolomè Mitre 2000
Buenos Aires Argentina

Watch this video on YouTube or on Easy Youtube.

 

Un’intervista in cui il Maestro racconta la sua storia. La quantità di nomi che sentirete è impressionante, la sua amicizia con Carlos Gardel, e tutti i creatori del tango. L’esperienza della sua tournee europea, la cena con Benito Mussolini ( minuto 17 )… praticamente la storia del tango in prima persona.
Per questo viene identificato come uno dei pionieri del tango d’avanguardia.
Nacque, l’undici dicembre 1899, lo stesso giorno e lo stesso mese di Carlos Gardel.

ndt:
L’autore di “Mala Junta”,”El Monito”,”Buen Amigo”,Boedo” e molte altre opere, morì l’undici marzo del 1980, a Mar del Plata, nella “Clinica 25 de Majo”, a causa di un enfisema polmonare che provocò l’infarto del miocardio.
Il protagonista del “Violin Corneta”, primo violino dell’orchestra di Emilio Fresedo, membro del “Cuarteto de Maestros”, decise di ritirarsi artisticamente nel 1953. Lasciando alle nuove generazioni degli stili con caratteristiche aldilà del tempo.

Registrazione audio TESTIMONIOS:
Documento registrato nel luglio 1970 negli studi TNT.

( Testimonios – producido por Walter Thiers )

( Editado por American Reordings S.A. 1971 )

Biografia:
per Julio Nudler. ( da todotango.com n.d.t. )

Dopo l’avvio nel secondo decennio del XX secolo , accanto ai grandi artisti del tempo ( Eduardo Arolas , Roberto Firpo e altri ), che avevano trasformato il tango primitivo , ed erano stati influenzati dai primi grandi scrittori melodia del genere come ( Juan Carlos Cobian ed Enrique Delfino ), il violinista Julio De Caro dal 1924 stabilisce con il suo sexteto , uno stile nuovo e trascendentale. Questo come nessun altro sarà centro di gravità nella storia successiva del tango , allargando il suo orizzonte spirituale. Tanto che la scuola De Caro per la parte musicale e la scuola Gardeliana nella parte vocale , diverranno modelli di interpretazione del tango e da allora sono considerati da la guida suprema nei loro rispettivi campi.

De Caro ha mantenuto l’essenza del tango suburbano , coraggiosa e divertente degli iniziatori , fondendola con una espressività sentimentale e malinconica sconosciute fino ad allora , ovvero, conciliò la radice folk con l’ influenza europea . La sua alta formazione artistica gli ha consentito di avvolgere il suo messaggio in un linguaggio musicale pulito carico di ineffabile seduzione . Le incisioni del suo Sexteto , a volte pigro , a volte vivace , suonano come acquerelli di Buenos Aires con case basse , facciate grigie , viali alberati , giardini fioriti , selciato e vecchi tram. O, ancor più, di un ordine politico e sociale armonioso , nonostante i forti controlli sulla libertà e il potere economico , che, brutalmente si concluderà nel 1930 con la crisi globale , e che in Argentina darà il via all’era dei colpi di stato.

Fondamentali sono per chi vuole comprendere l’idea Decareana i tanghi composti da De Caro e da lui eseguiti come ” Boedo ” , ” Tierra querida ” e molti altri . Essenziale è stato l’apporto del fratello Francisco , il pianista e compositore del sexteto , autore di alcuni tra i tanghi romantici e sognatori più ammirati di tutti i tempi , come ” Flores Negras ” o ” Loca Boemia ” . Il sexteto è stato interprete della passione dei tanghi di Francisco che sono dipinti musicali di paesaggi e personaggi urbani di luglio , con una duttilità mai vista prima .

Fondamentali sono state le opere di Pedro Laurenz, bandoneonista del sexteto che ha creato pezzi intramontabili, come ” Risa loca” o ” Mal de amores “. Nel suo enorme repertorio, De Caro non ha mai dimenticato i grandi compositori fuori dal suo gruppo, riarrangiandolo sotto i nuovi codici, preparandoli ad essere raccolti nei decenni successivi da centinaia di orchestre, decareane o no. Julio è nato a Buenos Aires, in una grande casa di Pietad al 2000 ( Bartolomè Mitre ndt ) in Balvanera, secondo di dodici figli in una famiglia di origine italiana. Suo padre, Giuseppe De Caro De Sica ( parenti del regista Vittorio De Sica e secondo cugino di Julio ), ha voluto per i loro figli un collegio di istruzione e formazione musicale accademica. L’ex direttore del conservatorio della Scala Teatro di Milano, don Giuseppe ha deciso che Julio avrebbe studiato pianoforte e suo fratello Francisco violino. Ma i ragazzi si scambiarono gli strumenti e peggio sfidarono l’autorità paterna dedicandosi al tango, provocando una frattura in famiglia non sarebbe mai guarita.

Arolas , El Tigre del Bandoneon , lo ospitò in casa ed è stato il suo padrino artistico, lo inserì nellla sua orchestra . Negli anni successivi staccatosi da Arolas lavora con il bandoneonista Ricardo Luis Brignolo ( compositore di ” Chiqué ” ) , il pianista José María Rizzuti ( ” Cenizas ” ) , il bandoneonista Osvaldo Fresedo ( ” Aromas ” ) , pianista Enrique Delfino (” Recuerdos de Bohemia ” ) e con bandoneonista uruguayano Minotto di Cicco , alias Mano Brava , per entrare nel 1923 nel sexteto del pianista Juan Carlos Cobián ( ” Nostalgias ” ) . Quando , alla fine dello stesso anno Cobian si recò negli Stati Uniti per registrare con la Orquesta Tipica Select, De Caro prese il timone del sexteto lasciato da Cobian, includendovi il bandoneonista Pedro Maffia , un’altra figura chiave . Iniziava cosi attraverso il lavoro di un violinista, una nuova era per il tango .

Nel 1924 incide il suo primo disco per l’etichetta Victor , registrando due dei suoi tanghi : ” Todo corazon ” e ” Pobre Margot ” . In Oltre 30 anni ha registrato 420 opere , anche se lo stato alcuni collezionisti affermano di averne trovato due dozzine in piu. La maggior parte della sua discografia è concentrata nel periodo 1924-1932 , che si suddivide in due grandi serie : Victor , fino al 1928 , e Brunswick , dal 1929.

Nel 1933 , De Caro entra in una fase di sperimentazione con timbri ampliati e nuove masse orchestrali ( fiati , percussioni ) , che alla fine sfocarono il suo messaggio ( lui stesso aveva usato negli anni ’20 un curiosa violino – cornetta ). Poi , fortunatamente , torna alla fonte , al costo di cadere in qualche anacronismo. Guardiano fino al suo ritiro delle essenze più nobili , fu un po’ emarginato nell’epoca d’oro del tango , sia per la sua stretta aderenza al Decarismo che alla sua difficile assimilazione del ruolo centrale del cantante nelle orchestre succesivo al 1940.

E ‘ sintomatico che nel decennio del 40 , De Caro resta cinque anni senza registrare.

Tra il 1949 e il 1953 , riesce a registrare 38 tracce per Odeon . Questa serie è estremamente importante come eredità musicale , incide brani che in passato erano stati registrati mezzi tecnici più precari , e include alcune nuove opere. In particolare , ” Aníbal Troilo ” omaggio al grande bandoneonista del tango, direttore e compositore. Scrive il tango ” Osvaldo Pugliese ” , che è stato il suo più grande seguace , ma non ci sono registrazioni , come non ce ne sono del tango ” Piazzolla” , l’altro grande rivoluzionario del tango. ( Piazzolla rispose con il suo ” Decarísimo ” ).

Dal suo lavoro molto amipo di compositore sono da mettere in evidenza alcuni tanghi fondamentali. Oltre al già citato ” Boedo ” e ” Tierra querida ” risalta ” Colombina ” (con Francesco De Caro ) , ” Copacabana “, ” Chiclana ” , ” El Arrenque ” , ” El bajel ” (Francisco ) , ” El monito ” ” Guardia Vieja” , “La rayuela”, “Loca ilusión”, “Mala junta” (con Laurenz), “Mala pinta” e “Mi queja” (entrambi con Francisco), “Moulin rouge”, “Orgullo criollo” (con Laurenz), “Tierra querida”, “Tiny” (con Maffia) e “Todo corazón”.

L’11 dicembre è stata dichiarata la Giornata mondiale del Tango , perché in quella data , anche se in anni diversi , sono nati Carlos Gardel e Julio De Caro .